Questo sito contribuisce alla audience di

Roma Summer Fest 2018: all’Auditorium Sting, Patti Smith, Johnny Depp, Francesco De Gregori

Roma Summer Fest 2018: all’Auditorium Sting, Patti Smith, Johnny Depp, Francesco De GregoriRoma Summer Fest 2018 all’Auditorium

Roma Summer Fest è il nuovo nome stagione all’aperto dell’Auditorium Parco della Musica che abbandona il vecchio logo “Luglio Suona Bene” per diventare “Roma Summer Fest”.

Stagione che quest’anno parte con grande anticipo rispetto il 26 e 27 maggio, con una delle band più in vista dello scenario del rock alternativo: gli Arctic Monkeys.

Un doppio concerto-evento andato tutto esaurito già in prevendita: una circostanza che non sorprende visto il peso specifico del gruppo di Sheffield che da poco meno di 15 anni ha catturato l’attenzione del pubblico under 30 (e non solo) anche grazie alla rete.

In scena al Roma Summer Fest dell’Auditorium di Roma anche le nuove leve del rock e della canzone d’autore romana sotto l’insegna di Retape: sabato 2 giugno tocca, tra gli altri a Mirkoeilcane, Leo Pari, Mèsa, Germanò più artisti già affermati come Filippo Gatti, Assalti Frontali e Cor Veleno.

E domenica 3 ecco Artù, Wrongonyou, Los3saltos più Piotta, The Niro, Ardecore e altri ancora.

Il 10 torna la poetessa rock e icona della New York fine anni Settanta, Patti Smith.

Il 17 la tradizione romana riletta a ritmo rock con l’Orchestraccia, il 20 e il 23 due finestre teatrali con Gigi Proietti. Mentre l’ex Oasis Noel Gallagher è atteso sul palco il 22: il chitarrista e cantante metterà in scena i brani del suo recente album “Who Built The Moon?” in un concerto che non potrà trascurare anche le canzoni del passato e qualche pietra miliare del band protagonista assoluta del brit-pop.

Il 26 tocca a LP, ospite Tom Walker, il 28 alla musica popolare con l’orchestra guidata da Ambrogio Sparagna, il 29 a Luca Barbarossa.

A luglio si parte con gli alfieri della new wave Simple Minds (il 3) e con l’estro jazz di Stefano Bollani (il 6 e il 16). Dal fronte della grande canzone d’autore ecco invece il “Principe” Francesco De Gregori che propone la antologia di successi il 6.

Il 7 tocca agli Snarky Puppy, l’8 a Johnny Depp in versione rocker con Alice Cooper e a Joe Perry, ovvero gli Hollywood Vampires.

E ancora; Alanis Morissette il 9, doppio evento il 10 con Franz Ferdinand e Mogwai, l’ex Beatles Ringo Starr l’11.

Il 12 Ezio Bosso guida l’Orchestra di Santa Cecilia, il 13 tocca alle melodie in blues di Alex Britti, il 14 grande jazz-rock con Chick Corea. Un calendario fittissimo che continua ad alternare tutti gusti del rock (con James Blunt il 17) con le arie classiche (con i Carmina Burana di Carl Orff, sempre con l’Orchestra di Santa Cecilia) e ancora altre suggestioni sonore.

Come quelle del progressive rock di prima qualità dei Jethro Tull (sul palco il 19), o del jazz-rock di Pat Metheny (il 20).

Per non parlare del principe del Brasile Caetano Veloso (il 21), o di un’altra band capostipite del prog come i King Crimson (il 22 e 23). Il 26 si torna al classico con Katia Buniastishvili sulle arie di Ciajkovskij.

E Steven Tyler, voce degli Aerosmith e leggenda del rock anche in proprio, è atteso il 27 luglio con la band Nashville The Loving Mary, sestetto di Nashville che unisce sonorità e melodie country a sonorità più rock e dure.

E Sting “si fa aspettare” fino al 28 per cantare con Shaggy “Don’t make me wait” e la sua antologia di velluto rock.

Gran finale con la Bandabardò il primo agosto.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE TUTTO IL PROGRAMMA DEL ROMA SUMMER FEST 2018

Articolo scritto da Redazione