Ebola: primo caso in Europa, è un’infermiera spagnola

ebola spagna 2

Adesso anche l’Europa trema per Ebola. A Madrid è stato infatti accertato il primo caso di contagio nel Vecchio Continente. Si tratta di un’infermiera spagnola, infettata per aver curato in Spagna un missionario morto dopo essersi ammalatosi in Sierra Leone.

Dunque, si tratta anche del primo caso in cui il virus ebola si propaga fuori dall’Africa.

ebola spagna

È stata invece infettata in Sierra Leone una norvegese di 30 anni volontaria di Medici Senza Frontiere, per la quale è stato disposto il rimpatrio in Norvegia questa notte, dopo che gli esami del sangue hanno confermato che si tratta di Ebola.

L’infermiera spagnola – di cui per ora non sono state diffuse le generalità – è stata posta immediatamente in isolamento appena si sono manifestati i primi sintomi. La donna sarebbe in condizioni stabili. Ma l’allerta è massima, e il ministero della salute spagnolo ha convocato un vertice di crisi per un aggiornamento sui piani d’emergenza messi a punto da Madrid.

Più passano i giorni e più quella di Ebola appare oramai come un’emergenza mondiale, che oltre all’Africa occidentale colpisce adesso anche le due sponde dell’Atlantico.

ebola spagna 4

 

E se in Sierra Leone si registra il giorno più nero da quando è esplosa l’epidemia, con 121 morti e 86 nuovi casi in appena 24 ore, l’Organizzazione mondiale della sanità aggiorna il bilancio generale delle vittime dell’epidemia di Ebola salito a 3.439 morti su un totale di 7.492 casi in Africa occidentale (compreso il caso registrato negli negli Stati Uniti).

E proprio negli Usa cresce la preoccupazione per una diffusione della malattia.

Così il presidente Barack Obama, per fare il punto della situazione, ha convocato un vertice di emergenza alla Casa Bianca, alla presenza di Thomas Frieden, il direttore del Center for Desease Contro (Cdc), la massima autorità sanitaria in Usa, e di molti esperti.

ebola spagna 1

 

Le condizioni del «paziente zero» Usa, Thomas Eric Duncan, il liberiano ricoverato al Texas Health Prtesbyterian Hospital e che a Dallas ha sviluppato i sintomi della febbre emorragica, continuano ad essere gravissime. Anche se in queste ore – fanno sapere le autorità sanitarie – nel tentativo estremo di salvargli la vita viene sottoposto a una terapia a base di un farmaco sperimentale a cui la Food and Drugs Administration (Fda) ha dato il via libera solo per i casi di emergenza: si tratta del ‘Brincidofovir’, un potentissimo antivirale messo a punto dalla società farmaceutica Chimerix.

Enormi restano quindi le preoccupazioni legate alle tantissime persone che con Duncan hanno avuto un contatto diretto o indiretto da quando è arrivato negli Usa, lo scorso 20 settembre.

Mentre ad Omaha, in Nebraska, è arrivato Ashoka Mukpo, il giovane cameraman americano freelance della Nbc che ha contratto il virus sempre in Liberia, subito ricoverato in isolamento al Nebraska Medical Center, dove è stato immediatamente sottoposto alle cure degli specialisti. Stretto il riserbo sulle sue condizioni.

I casi sospetti nel frattempo si moltiplicano in tutta America, e a New York – dove si trova il principale scalo aereo del Paese – si lavora per rafforzare tutte le misure di sicurezza e per rendere più severi i controlli. Le autorità federali stanno soprattutto valutando la possibilità di istituire controlli supplementari proprio negli aeroporti, e secondo quanto dichiarato d Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, «la discussione è in corso e tutte le opzioni sono sul tavolo».

contagio ebola

Dalla Casa Bianca, comunque, negano che si stiano prendendo in considerazione anche misure per una restrizione dei viaggi da e per l’Africa occidentale. Mentre in Texas, il governatore Rick Perry ha creato una task force di reazione rapida contro Ebola, chiedendo anche al governo federale di ‘alzare la digà contro il virus aumentando i controlli alle frontiere.

Lascia un commento

*

Privacy Policy