Fitness: dagli Usa arrivano Kangoo e Bokwa le nuove mode in palestra per l’autunno antistress e bruciagrassi

Scarpe spaziali e musica latina, coreografie da seguire disegnando con i piedi lettere o numeri sul pavimento. Si chiamano Fit Kangoo dance e Bokwa gli ultimi trend che dopo aver spopolato negli Usa – fra New York e Los Angeles – si stanno diffondendo anche nelle palestre italiane.

 

sport_kangoo_fitness_scarpe

 

 

Scarpe ‘spaziali’ e musica latina, coreografie da seguire disegnando con i piedi lettere o numeri sul pavimento. Si chiamano Fit Kangoo dance e Bokwa gli ultimi trend che dopo aver spopolato negli Usa – fra New York e Los Angeles – si stanno diffondendo anche nelle palestre italiane.

Mode passeggere o in grado di resistere anche dopo i classici “15 minuti di celebrita” preconizzati da Andy Warhol?

E’ tutto da vedere, osservano gli addetti ai lavori che, tracciano un quadro delle novita’ che animeranno la prossima stagione autunnale. Mentre dalle ultime kermesse arriva la consacrazione per Pilates e Zumba, “ormai due pilastri del fitness” globale, consolidati a diverse latitudini, dagli States al Vecchio continente.

Le Kangoo jumps, stivaletti stile ‘rollerblade’ ma con delle particolari molle al posto delle rotelle, sono lo strumento con cui in diverse palestre tricolore ci si allenera’ a ritmo di mambo, saltando come canguri appunto. Non una novita’ in se’, visto che gia’ nel 1994 si parlava di questa speciale calzatura – il brevetto e’ svizzero – usata anche dalla Nasa per aiutare gli astronauti reduci da un viaggio nello spazio a recuperare velocemente massa muscolare.

Il nuovo trend, che ha contagiato in particolare New York, sdogana le kangoo jumps per mantenersi in forma anche nelle sale delle palestre, con passi di danza (in genere salsa e merengue) eseguiti rimbalzando. Secondo chi la propone, un quarto d’ora di Kangoo dance permette di bruciare da 150 a 200 calorieUn’attivita’ non solo bruciagrassi, ma anche antistress perche’, assicurano i fan, sostenuta dai ritmi latini mette anche di buonumore.

La filosofia e’ simile a quella che ha portato al successo lo Zumbache resta comunque la moda piu’ solida del momento. E’ un’aerobica latina. In stile ‘villaggio turistico’ propone delle coreografie allegre e divertenti. La particolarita’ e’ che l’istruttore (certificato) le propone sul momento, senza spiegarle. Gli allievi devono solo seguirlo. La musica e’ coinvolgente. I benefici sono quelli dell’aerobica: tonificazione generale, mirata in particolare a gambe e glutei. La lezione dura 45 minuti, tutti in movimento senza soluzione di continuita’. Una buona soluzione per bruciare grassi.

La disciplina promette di far bruciare fino a 800 calorie a lezione e, oltre allo Zumba classico, nato negli anni ’90 in Brasile, a opera dell’insegnate di aerobica Beto Perez, ora si stanno facendo largo diverse varianti.

Una delle piu’ recenti e’ lo Zumba Sentao, che movimenta le coreografie introducendo anche l’uso di sedie. Si muove sullo stesso binario un’altra tendenza del momento: gli allenamenti militareschi Tacfit e Bootcamp, esplosi qualche anno fa e tornati in auge.

Marines alla riscossa, dunque, ma dagli Usa arriva anche un’altra novita’ che ha fatto il suo debutto al ‘Rimini wellness‘: il Bokwache ora punta a varcare l’Oceano e a sfondare anche nel Belpaese. Papa’ della disciplina, che ha come culla le palestre di Los Angeles,l’istruttore di Group Fitness di origini sudafricane Paul Mavi che con un pool di ‘maestri’ certificati e’ al lavoro per allargare la fama di questo nuovo allenamento, non esattamente una danza fitness.

Si disegnano lettere e numeri immaginari con i piedi, muovendosi insieme a tempo di musica con un ritmo in forma aperta.Un’attivita’ da 600-700 calorie all’ora. Queste discipline sono trasversali e adatte a tutte le eta’. E vengono modulate in diversi livelli di difficolta’.

Al di la’ delle novita’, delle mode e delle operazioni commerciali del momento, nel mondo del fitness e’ chiaro che il tornado Zumba ha cambiato irreversibilmente la scena. Questa disciplina domina ancora a livello nazionale e internazionale ed e’ riuscita a diventare un elemento fondamentale un po’ ovunque. Ci si diverte a sudare e faticare con lo Zumba in America, Europa e Asia

Sorprendente’ il solido successo del Pilates, un’attivita’ piu’ seria e ragionata, magari meno eccitante dello Zumba e piu’ vicina all’attivita’ fisica come si faceva una volta, una reinterpretazione della tradizionale ginnastica.

Respirazione e postura corrette e controllate sono alla base del metodo messo a punto a inizio ’900 dal tedesco Joseph Hubertus Pilates. Per gli appassionati della disciplina, e’ un ‘toccasana’ per chi sogna un ventre piatto. Il Pilates assicura un lavoro armonico e’ intramontabile con tutte le sue varianti. Il pilates migliora anche tutta la muscolatura interna e apporta benefici anche per l’equilibrio. Prevede un lavoro a corpo libero proponibile a tutti, anche in questo caso con diversi livelli di difficolta’. Esistono programmi ad hoc per donne incinte e anziani.

Lascia un commento

*

Privacy Policy