Questo sito contribuisce alla audience di

Come liberarsi dall’acne, una volta per tutte

Come liberarsi dall’acne, una volta per tutte

Come liberarsi dall’acne, una volta per tutte

L’acne è una forma di infiammazione cutanea che colpisce vaste zone del viso, della schiena e del collo, e che porta con sé arrossamenti e comedoni: la suddetta infiammazione viene causata da fattori ormonali, come nel caso del periodo della pubertà, o da altri fattori come lo stress, l’alimentazione e lo squilibrio di sebo, che ingrassano la pelle e favoriscono la comparsa dell’acne. Va poi specificato che questa infiammazione colpisce direttamente le ghiandole sebacee e persino i bulbi piliferi, a diversi livelli: può essere leggera o moderata, oppure portare alla formazione di pustole molto infiammate e dolorose, fino a lasciare vere e proprie cicatrici.

  • Pelle acneica: i trattamenti farmacologici

Come anticipato poco sopra, esistono diversi livelli di gravità che possono essere raggiunti dalla pelle acneica: come ad esempio nel caso dell’acne conglobata e dell’acne papulopustolosa. In questi casi, le comuni terapie spesso non bastano, e si rende necessario l’intervento con trattamenti farmacologici mirati e con farmaci che possono essere ottenuti solo previa prescrizione medica. In questo caso, i suddetti farmaci sono spesso a base di elementi quali il benzoil perossido, l’acido azelaico, i retinoidi, l’isotretinoina ed altri antibiotici. In alcuni casi, poi, si ricorre anche a terapie farmacologiche alternative come ad esempio quelle a base di ormoni.

  • Come curare l’acne con i rimedi non farmacologici

Nel caso l’acne non presenti un’infiammazione di livello elevato, può essere trattata con rimedi non farmacologici molto efficaci: in questo senso, esistono dei prodotti per il viso particolarmente indicati per la pelle acneica, come quelli di Eucerin. Questi prodotti regolano il sebo e aiutano a curare l’infiammazione della cute, grazie alla presenza di sostanze antibatteriche come il licocalocone, la carnitina, il decandiolo e l’acido lattico. Inoltre, da sottolineare il fatto che anche prodotti naturali come la cipolla e oli biologici come quello di melaleuca e di citronella possono aiutare a combattere l’acne leggera in modo davvero efficace. Infine, l’avocado: questo frutto può essere infatti utilizzato per tamponare le zone di pelle acneica e per disinfettare i brufoli.

  • Acne: ecco i falsi miti

Esistono una serie di leggende metropolitane sull’acne, alcune delle quali possono portare anche dei consistenti peggioramenti. Innanzitutto, schiacciare un brufolo non è mai una buona idea: far uscire il pus non guarisce la ghiandola, ma la espone ad ulteriori infezioni e può anche diffondere l’acne in zone fino a quel momento sane, oltre al fatto che si tratta del metodo più veloce per creare cicatrici anti-estetiche. Allo stesso modo, il sole può aiutare a far seccare i brufoli ma l’esposizione ai raggi UV deve essere sempre controllata, per evitare la comparsa delle macchie scure sulla pelle.

Infine, uno dei luoghi più comuni: il dentifricio, che teoricamente dovrebbe azzerare l’infezione e far seccare il brufolo. In realtà questo prodotto è spesso molto aggressivo nei confronti della cute, può causare irritazioni e peggiorare lo stato della pelle acneica: oltre al fatto che causa anche una discreta quantità di dolore, inutile da sopportare dato che non porta ad alcun risultato.

 

Articolo scritto da Redazione