Questo sito contribuisce alla audience di

Crudités di verdure e gravidanza

Piatti freddi fatti di pasta e crudités sono dei cibi ideali per combattere le alte temperature e integrare i liquidi persi, ma quando si è in dolce attesa le cose si complicano.

Frutta e verdura sono alimenti che devono essere presenti sempre sulla tavola ma spesso con il pancione, se crudi, si possono mangiare solo in casa.
Infatti prima di mangiare questi prodotti bisogna prima prestare attenzione ad alcuni accorgimenti nella pulizia importanti per la salute della futura mamma e del suo bambino.

Ecco la proposta di una ricetta facile, che non richiedesse l’apertura di gas, e che in casa sarà un piacere godersi magari anche come aperitivo in una calda giornata.

Crudités di verdurine

Ingredienti  (per 4 persone)

2 cetrioli di media grandezza
1 carota
1 cipollotto fresco piccoli (oppure del lattughino)
24 pomodorini pachino piccoli
sale e pepe q.b.
1 vasetto di yogurt naturale
olio extravergine di oliva

Procedimento

La sera prima, pulire, lavare e tagliare a rondelline il cipollotto. Lasciare riposare immerso in un bicchiere di latte in frigorifero per tutta la notte, in questo modo renderete il cipollotto più dolce al palato e meglio digeribile.

Lavare le verdure in bicarbonato e poi in amuchina. Pelare i cetrioli e la carota.

Tagliare a tocchetti i cetrioli e lasciarli riposare per circa 30 minuti con del sale grosso in una ciotola. Scolarli poi dall’acqua che avranno prodotto.

Tagliare a metà i pomodorini.

Ridurre a julienne le carote.

In bicchieri bassi da portata mettere a strati i cetrioli, i pomodorini, le carote e i cipollotti.

Terminare la preparazione aggiungendo una punta di sale un filo di olio e lo yogurt.

Se volete potete servire le verdurine con del pane bruscato, meglio se ai cereali o integrale.

Mi raccomando non esagerare con il cipollotto, infatti a volte in gravidanza può essere sconsigliato, chiedete informazioni al vostro medico.

Nel caso sia preferibile rinunciare al cipollotto sostituitelo con del lattughino.

Tania Valentini

Spylong

Articolo scritto da Redazione