Sos pari opportunità: Presidente Renzi, per lei le donne sono importanti? by Tiziana Rocca

131
Sos pari opportunità: Presidente Renzi, per lei le donne sono importanti
Sos pari opportunità: Presidente Renzi, per lei le donne sono importanti

Le pari opportunità, tanto rilanciate dal governo Renzi in sede di assegnazione di posti di potere, in realtà non hanno più un ministero ad hoc che si occupi delle numerose problematiche relative alle donne in difficoltà.

L’importanza dei pari diritti delle donne nel mondo del lavoro non deve fare dimenticare o mettere in secondo piano i progetti nati per sostenere quelle donne meno fortunate che lottano ogni giorno per resistere.

Resistere alle costrizioni a cui sono sottoposte, a violenze o a stereotipi culturali che devono affrontare e che spesso nascono all’interno del proprio nucleo familiare.

Il Presidente del Consiglio Renzi, ha ritenuto opportuno prendere l’interim dell’incarico di ministro delle pari opportunità, forse pensando che con l’accentramento del potere decisionale nelle sue mani, potesse fare meglio dei suoi predecessori. Probabilmente sarà così. Ma forse per mancanza di tempo converrebbe trovare una persona che si occupi di un tema così nevralgico quotidianamente.

sos pari opportunità

Parlo come donna e a nome delle tante associazioni che si occupano di prendere le istanze per pianificare al meglio le strategie e gli interventi necessari per affrontare le violenze maschili contro le donne nei tavoli istituzionali: abbiamo bisogno della vostra attenzione e di risposte.

L’associazione nazionale D.i.R.E (donne in rete contro la violenza) con grande forza ha tentato nelle ultime settimane un interlocutore all’interno del dipartimento (non più ministero) delle pari opportunità per sollecitare la nomina di un referente effettivo.

Ma niente, tutto tace.

I tavoli aperti dal precedente Governo su questa tema sono fermi, come ferme sono le realizzazioni di tutte quelle misure e azioni previste per i progetti di contrasto alla violenza dalla convenzione di Instanbul e che attraverso le direttive comunitarie devono ancora essere  recepite dal nostro governo.

Così, come in stallo è il rinnovo del Piano Nazionale Antiviolenza, ciò significa che le risorse stanziate dal precedente governo per il biennio 2013-2014 previsto dalla c.d. legge contro il femminicidio per finanziare le case rifugio e i centri antiviolenza, sono di fatto bloccate.

sos pari opportunità 1

Il rischio è  quello  di vanificare il lavoro svolto finora con grande impegno ma ancora di più, il pericolo è la chiusura delle strutture di sostegno e della rete antiviolenza che aiutano tante persone a risalire la china dopo esperienze di violenze scioccanti e a prevenire episodi di estrema aggressività nei confronti delle donne che invece ogni giorno rischiano di essere selvaggiamente malmenate o assassinate.

 Il momento non è facile per nessuno ma su queste tematiche non si può indugiare.

Chi è indifeso e rischia di essere vittima di violenze non può aspettare.

Presidente Renzi, ci dia un segno che le donne per lei sono importanti!

by Tiziana Rocca

 www.tizianarocca.it

Leave A Reply

Your email address will not be published.