Questo sito contribuisce alla audience di

Claudio Amendola saluta le donne di Pinkroma e presenta “La Mossa del Pinguino” nelle sale cinematografiche di Roma

https://www.youtube.com/watch?v=tPJ8RJejH0I

La Mossa del Pinguino, un improbabile manipolo di eroi è il primo film da regista di Claudio Amendola.
Tratta da un soggetto di Michele Aberico, Giulio di Martino e Andrea Natella, è una commedia italiana nell’accezione più antica del termine, un film definito anche commedia sociale.

Infatti alterna momenti esilaranti ad attimi di riflessione e amarezza, regalando allo spettatore una visione realistica e riflessiva nello stesso tempo. Amendola non nasconde di aver attinto dalla modalità narrativa del grande regista Steno di cui racconta  l’aneddoto che segue:

“Era il 1985 e, dopo aver partecipato alla fortunata trilogia dei fratelli Vanzina, ho lavorato in uno sceneggiato girato da Steno. Tutte le sere andavamo a cena insieme e mi facevo raccontare storie e curiosità su Alberto Sordi quando lo aveva diretto in Un Americano a Roma. Una sera riguardo alla difficoltà sul mestiere del regista mi ha detto Ricorda se i pupazzi funzionano, e Sordi funzionava, non devi fare nulla“.

E così eccolo, qualche anno dopo, dietro la cinepresa a dirigere una commedia i cui pupazzi in questione sono:

Edoardo Leo (Bruno), Ricky Memphis (Salvatore), Ennio Fantastichini (Ottavio), Antonello Fassari (Neno) e Francesca Inaudi (Eva).

Roma.  Bruno è un ragazzo che ha superato i trent’anni da parecchio. Sposato con Eva, è il padre di Yuri un ragazzino di nove anni che sembra più adulto di lui. Bruno infatti è un sognatore, uno che vede nello sport quella possibilità di riscatto che ancora la vita non gli ha offerto.  Un giorno decide di voler compiere un’impresa. Accompagnato dal suo amico d’infanzia Salvatore, da  Ottavio, un vigile in pensione e  da Neno,  finto professionista di biliardo del quartiere dove Bruno vive, decide di formare una squadra di curling per partecipare alle Olimpiadi Invernali di Torino 2006.

Il sogno è quello di vincere una medaglia, la realtà sarà quella di diventare, grazie allo sport, uomini migliori.

Una risposta italiana al fortunato film “Full Monty” al quale il regista si è ispirato come ha confessato in conferenza stampa.

Cast de La Mossa del Pinguino
conferenza stampa de La Mossa del Pinguino cast al completo

L’unica protagonista femminile del lungometraggio è Francesca Inaudi che ammette di essersi trovata benissimo in un contesto maschile e dove interpreta un ruolo “da sognatrice con la sveglia” come lo ha definito il regista.

Ricky Memphis recita in la parte di un figlio dedito a un padre malato, il bravissimo Sergio Fiorentini. Sue le scene più toccanti, come quando si siede accanto al padre su una panchina, in piena notte per fingere di pescare come lui.

Antonello Fassari si rivela un grande professionista. Dopo essere stato il fratello di Claudio nella fortunata serie “I Cesaroni”, di cui andrà in onda in autunno la prossima serie, in questa pellicola racconta la vita di un attempato spaccone di periferia che insegna come sbocciare e accostare le palle del biliardo a pochi adepti.

Bello il duetto con Ennio Fantastichini quando gli spiega:

“Non puoi eliminare tutto quello che non ti piace, a volte la vita va “sbocciata”, ci si deve accostare, magari non si vince subito ma a punti, ti garantisco, che ne vale la pena”.

Fantastichini è un vigile in pensione, scorbutico e severo. Vive da solo, dopo aver mandato via la moglie perchè troppo sognatrice, e resiste alle attenzioni della vedova del piano di sopra guardando i reality in tv. Un uomo che vive nel rispetto delle regole ma imparerà a “sbocciare”.

Al film hanno partecipato anche:  Rita Savagnone, mamma di Claudio Amendola, nel ruolo di Direttrice del Museo; Alessia e Giulia Amendola, figlie di Claudio, la prima nel ruolo di Isolde, la seconda in un cameo di prestigiatrice di strada perchè è stata impegnata soprattutto come aiuto costumista. Le musiche sono di Giorgio H.Federici, nome d’arte del fratello di Claudio Amendola che in conferenza ammette:

“Se non è nepotismo questo!”

La Mossa Del Pinguino in uscita il 6 Marzo 2014, è distribuita in 200 copie in tutta Italia da Videa ed è prodotto da Dap Italy – De Angelis Group.

L’Associazione Italiana Curling ha ringraziato il regista per il film a loro dedicato.

Insomma se volete capire cosa passa per la testa agli uomini quando sarebbero disposti ad andare a giocare il torneo di calcetto anche alle 4 di mattina a Taranto…andate al cinema a vedere la Mossa del Pinguino…perchè alla fine non parla altro che di noi.

 

https://www.youtube.com/watch?v=kTY92s7caMw

https://www.youtube.com/watch?v=ipOC1CTzLDc

Articolo scritto da Chiara Gargioli