Teatro: al Salone Margherita di Roma torna Pingitore con “La grande risata”

la grande risata salone margherita roma

Dopo quattro anni, il Pierfrancesco Pingitore, torna al Salone Margherita aprendo da protagonista la stagione di uno dei teatri più antichi e prestigiosi Roma rilanciato e rinnovato, grazie all’intervento del nuovo Patron Nevio Schiavone, alla direzione artistica di Enzo Iacchetti e alla consulenza di Demo Mura.

Mercoledì 10 dicembre alle 21,00 debutterà infatti in prima nazionale nello storico teatro di via dei Due Macelli lo spettacolo «La grande risata», scritto e diretto da Pierfrancesco Pingitore.

«La Grande Risata -spiega Pingitore- è quella che suscita il panorama politico italiano degli ultimi anni, con le sue velleità, le sue giravolte, le sue promesse continuamente disattese, i suoi salvatori della patria destinati quasi sempre, o sempre, a trasformarsi in macchiette. È una risata amara, ma pur sempre una risata».

la grande risata salone margherita roma 1

Parte da questa premessa, lo spettacolo per il quale Pingitore ha chiamato a raccolta i suoi attori più cari al pubblico, da Martufello, a Mario Zamma, a Carlo Frisi e alla intramontabile Pamela Prati.

Accanto a loro la novità di un’altra primodanna, Manuela Zero, e di un sorprendente Matteo Renzi, generato dall’elegante talento di Demo Mura.

“La Grande Risata” è una scorribanda nel presente, con l’evocazione sul palco del Salone di tanti illustri personaggi, dal presidente del Consiglio al sindaco di Roma, da Grillo a Papa Francesco, da Angela Merkel alla ministra Elena Maria Boschi e a molti altri.

Non poteva ovviamente mancare, in uno spettacolo firmato per la nuova vita del Salone Margherita da Pier Francesco Pingitore, un corpo di ballo.

la grande risata salone margherita roma 2

 

Ecco dunque che sul palco ci saranno anche quattro splendide ballerine e un ballerino: Jasmine, Raffaella, Daniela, Maria Rita e Leonardo Bizzarri.

Accanto all’autore-regista, i collaboratori di sempre: Piero e Francesco Pintucci per le musiche, Maurizio Tognalini per le scene e i costumi, Evelyn Hanack per le coreografie e l’aiuto regista Morgana Giovannetti.

Lascia un commento

*

Privacy Policy