Questo sito contribuisce alla audience di

AltaRoma AltaModa: 12Talents | 50Years, Accademia Costume & Moda

I 12 Talents
I 12 Talents. Accademia Costume & Moda.

E’ l’evento che apre ufficialmente le celebrazioni del Cinquantenario della fondazione dell’Accademia Costume & Moda (Roma 1964), la passerella di Altaroma sulla quale sfileranno le 12 collezioni dei neo stilisti dell’Accademia, coordinati dalla Fashion Designer Betti Proietti. I talents 2014, selezionati diversi mesi fa da una Commissione tecnica, presenteranno 1 collezione uomo, 2 collezioni accessori e 9 collezioni donna, ognuna di libera ispirazione e dal taglio prêt à couture e sono, in ordine di uscita, Chiara Palombini, Benedetta Morici, Ludovica Simonetti, Valentina Di Noia, Giulia Geria, Vittoria Veltroni, Flavia Collatina, Giulia Goretti De’ Flamini, Sabrina Pilkati, Alessia Di Livio, Ambra D’Oro e Carolina Cicerchia.

A valutare le loro creazioni una Giuria di riguardo, in ordine alfabetico, Giampiero Arcese (Design Coordinator ARMANI Collezioni Donna), Vladimiro Baldin (Product Developement & Style Coordinator DIESEL), Manuela Brini (Creative Talents Manager LVMH Fashion Group) Livia Carimini (Assistante Haute Couture VALENTINO), Lapo Elkann (Italia Independent), Deanna Ferretti Veroni (Modateca DEANNA), Barbara Franchin (Director & Project Supervisor ITS, International Talent Support), Giovanna Gentile Ferragamo (Vice Presidente FERRAGAMO), Simonetta Gianfelici (Fashion Consultant & Talent Scout), Bruce Hoekzema (Direttore Creativo VBH), Gitte Jonsdatter (Co founder & Strategy Director MUUSE), Laura Lusuardi (Direttore Creativo MAX MARA), Sara Maino (Senior Editor VOGUE Italia e Vogue Talents), Carlo Mazzoni (Editor in Chief L’OFFICIEL Italia), Raffaello Napoleone (CEO PITTI Immagine), Leonardo Pucci (Directeur de Collection Maroquinerie Christian DIOR Couture), Fabio Quaranta (Designer ), Silvia Venturini Fendi ( Presidente ALTAROMA).

Secondo Betti Proietti le dodici collezioni esprimono contemporaneità del Design, ricerca stilistica e culturale, con evidenti citazioni di costume e d’arte. Emerge una ricerca di nuove forme grazie a linee esasperate ma dalle giuste proporzioni, la mescolanza di tessuti classici e innovativi illuminata da stampe flash o ricami in peltro e argento. Il total black è interrotto da pennellate artistiche, evocando quadri futuristici, e le lavorazioni hand made si fondono a surreali stampe Hi Tech.

Il Premio Irene Brin, giunto alla sua 45° edizione, sarà consegnato da Sara Maino al Direttore Creativo della Maison Cerruti, Aldo Maria Camillo. A seguito del suo diploma in Accademia ed un master al FIT di New York, ha intrapreso la sua carriera dapprima in Ermenegildo Zegna come Senior Designer di Abiti e Vestiti formali, in seguito come Direttore del reparto Uomo nella Maison Valentino sino ad approdare nel 2012 in Cerruti, maison francese dalle origini italiane.

Articolo scritto da Paola