Mariù De Sica presenta la sua prima collezione “made in Roma”

136

Da capsule collection a collezione vera e propria. Mariù De Sica, il brand guidato da Maria Rosa De Sica, figlia di Christian, ha presentato a Milano la nuova linea A/I 2013-14, con una consapevolezza nuova.

Era partita a settembre scorso a Milano, con la sua capsule collection d’esordio di ispirazione vintage, e ora propone una serie di abiti e capispalla più strutturati, anche grazie alla collaborazione con il Lanificio f.lli Cerruti, che per il brand produce alcuni capi in cashmere e lana tecnica.

Gli abitini sono studiati per essere portabili “dalla mattina fino alla sera”, spiega la stilista, che fa “tutto da sola, seguendo sempre i consigli di Federico Pellegrini”, compagno di vita e CEO del brand. C’è un certo rigore dal gusto Anni ’40 che corre lungo tutta la collezione, dai colori, mai sgargianti, alle forme, che segnano i fianchi con garbo.

A completare il look ci sono le mini e maxi shopper bag, e le cinture realizzate da un artigiano romano.

Viene tutta da Roma il resto della collezione, dove Mariù vive, progetta (a Trastevere) e fa produrre. Per ora la collezione viene venduta solo nello showroom di Milano.

“Il sogno sarebbe aprire un monomarca, magari a Roma”, spiega Pellegrini. “Nel frattempo abbiamo fatto indossare a Serena Autieri un nostro capo all’anteprima del film “Il principe abusivo” (con Christian De Sica) e chissà che non ne vedremo uno anche indosso a qualche attrice americana”.

Leave A Reply

Your email address will not be published.