Questo sito contribuisce alla audience di

Giorgio Armani lancia il grigio non grigio e il lime per il prossimo inverno

 MODA: DA GIORGIO ARMANI, IL GRIGIO NON GRIGIO E IL LIME
MODA: DA GIORGIO ARMANI, IL GRIGIO NON GRIGIO E IL LIME

Inno alla flanella e tocchi di verde acido con camperos chic!

E’ il look Giorgio Armani lanciato dalle passerelle di Milano per il prossimo autunno inverno 2014/2015

Quando il grigio non è grigiore e si illumina di verde lime, quando la flanella non è solo flanella ma diventa tulle da sera, quando Giorgio Armani fa davvero Armani, tutto diventa semplice da spiegare.

E da godere.

Un inno alla flanella in passerella: e già questa è una novità.

Di grigi, Armani ne ha fatti tanti e ha inventato anche il «greige» che ormai si trova ufficialmente perfino nella palette dei colorifici.

Ma questo grigio in dissolvenza tra luce e ombra, questo colore luminoso e puntinato che nasce un pò sportivo, da morbida felpa potremmo dire, in versione Armani non ce l’eravamo ancora immaginato.

GIORGIO ARMANI 12

 

GIORGIO ARMANI 11

 

GIORGIO ARMANI 10

 

 

E invece è molto armaniano, con i nuovi pantaloni corti alla caviglia e ammorbiditi, tanto, dalle pieghe davanti.

Calzoni difficili che si potranno portare più lunghi naturalmente: per indossarli corti alla maniera delle modelle «bisogna avere le caviglie così» dice Armani chiudendo a cerchio pollice e indice.

E poi, altra novità, i tocchi moderni del verde acido, quello che molti chiamano Chartreuse (dai monaci dell’abbazia che preparavano l’assenzio, altro nome di questo giallo-verde) ma che Giorgio Armani preferisce chiamare con il più fresco e fruttato nome di «lime».

Sprazzi di questo colore fluo intaccano le ombre del grigio flanella come fossero una segnaletica di moda: «segnaliamo, già che ci siamo, mettiamo un pò di avant-garde» spiega lo stilista.

GIORGIO ARMANI 9

 

GIORGIO ARMANI 8

 

GIORGIO ARMANI 7

 

 

Alla ricerca del dettaglio, ecco le asole lime della giacca arrotondata, ecco le bande doppie e verticali lungo i fianchi dei calzoni.

Intanto i grigi si mescolano perchè, si sa, stanno tutti bene insieme, scattano svelti sugli stivaletti che rivisitano e ammorbidiscono i tosti camperos, si alleggeriscono fino all’inverosimile e diventano tulle.

GIORGIO ARMANI 6

 

GIORGIO ARMANI 5

 

GIORGIO ARMANI 4

 

Sì, la flanella diventa un’organza leggera ma conserva quel grigio incerto e luminoso, si doppia con il verde fluo e acquista altre sfumature, oppure si riempie di ricami scintillanti, di geometrie di cristalli, di pietre lime o a effetto flanella.

La sfilata inizia con il grigio polveroso finisce con il grigio luminoso, con il nero e il lime accoppiati, con un nido di fili e jais per l’inusitata cappa-gabbia dell’abito da cocktail.

Accessori tanti, dalle scherzose manette da sera alla borsa di montone grigio, da un paio di anfibi alle ballerine più nuove, dal bauletto in flanella alla minaudiere che sembra uno scrigno pieno di assenzio.

GIORGIO ARMANI AUTUNNO INVERNO 2014/2015
GIORGIO ARMANI AUTUNNO INVERNO 2014/2015

 

Per sottolineare tutto con «un coup de Jeunesse» ecco le acconciature inedite delle modelle: mai visti finora da Armani i capelli lunghi e sciolti, un pò selvaggi e ondulati alla maniera preferita dai pittori preraffaelliti.

GIORGIO ARMANI AUTUNNO INVERNO 2014/2015
GIORGIO ARMANI AUTUNNO INVERNO 2014/2015

 

 

 

 

 

 

fonte ansa roberta filippini PHOTO: IMAXTREE.COM

Articolo scritto da Redazione