PINK POWER: L’ULTIMO TANGO DI GRILLO & DUDU’

52
GRILLO & CASALEGGIO
GRILLO & CASALEGGIO

Il buco nero  delle Europee che ha inghiottito Grillo, Casaleggio e tutti i loro inutili Maalox, trascina nell’oblio numerosi  super-trombati.

L’eco del tonfo più clamoroso, per il triplice ruolo istituzionale, politico  e di partito,  é  quello di Stefania  Giannini,  Ministro dell’Istruzione,  nonché segretaria dell’ormai evaporata Scelta Civica (ribattezzata Sciolta Civica) e per giunta capolista nell’Italia centrale. Bocciata a tutti gli esami, la Giannini  ha racimolato complessivamente  3000 miseri voti.

stefania giannini

Una decina per ogni comune della circoscrizione elettorale.  A rendere megagalattica, e anche grottesca, la figuraccia della Ministra-Segretaria-Capolista  si è aggiunto l’ azzeramento, nel volgere  di poco più di un anno,  del fu partito di Mario Monti,  precipitato dal 10 %  allo zero virgola atomi.

Mario Monti

Non meno  clamorosa,  anche in considerazione  della lunga esperienza fra i Balilla di An,  la  débacle  dell’ex  celebrante del culto finiano  Fabio Granata  che, nonostante il Green riciclaggio,  ha raggranellato  soltanto 300 voti in tutta l’Italia meridionale. Una media di uno a discarica.

fabio granata perde europee

La sindrome  del  “sta saltando l’imbalsamazione”,  che sembra  caratterizzare lo psico dramma in corso fra Arcore e Palazzo Grazioli,  lascia indifferente in quei paraggi soltanto il candido Dudù,  libero come non mai di alzare la gambina su pantaloni e  louboutin  di trombati & trombate presenti e future.

In prima fila,  il  marasma di Fi  agita i divi decaduti  dalla Tv e da Bruxelles: Iva Zanicchi e  Alessandro Cecchi Paone  e per analogia Syusy  Blady (Verdi europei).

Mezze figuracce pure  fra i primatisti del Pd:  candidate in palmo di mano all’intrepida guida delle rispettive liste  il Magistrato  Caterina Chinnici e la parlamentare nazionale Pina Picierno  hanno dovuto cedere il primato delle preferenze a politici di lungo corso del calibro di Renato Soru e Gianni Pittella.

Il vortice del  black  hole  europeo  è comunque destinato a stravolgere per sempre gli scenari di Montecitorio e Senato.  Ticket  e lunghe file sono  previste  davanti al Nazareno  e alle segreterie  di  Ncd  e Fratelli d’Italia,  gli unici partiti ai quali la schiera  tutta tacchi e cravatte delle parlamentari  and friend, senza seguito e voti,  attribuiscono la capacità di assicurare un seggio sicuro alle prossime politiche.

Il cinismo delle immutabili regole del potere  lascia  inoltre prevedere,  dopo il tragicomico epilogo  della smagnetizzazione della calamita Grillo, un ulteriore sfaldamento dei gruppi  M5S  e un esodo verso  i tre sopra citati partiti, con l’aggiunta della Lega e di Sel.

Scelte da fare entro l’estate per evitare di essere bruciati da altri.

Abbiamo due vite: la seconda inizia quando ci accorgiamo di averne una sola”  dice non a caso Confucio.

Leave A Reply

Your email address will not be published.