Spoil System al Quirinale: l’effetto domino del dopo “George”

cambio guardia quirinale

Base per altezza, prodotto moltiplicato all’ennesima.

Rispetto all’imminente cambio della guardia alla Presidenza, l’ironica formula dello spoil system al Quirinale è in ogni caso approssimativa per difetto

Anche se formalmente l’elezione del  Presidente della Repubblica non comporta l’avvio di un effetto domino sui vertici istituzionali, le decisioni e l’influenza del nuovo Capo dello Stato sono destinate ad avere effetti diretti e indiretti sull’attività del Governo, del Parlamento, della Corte Costituzionale, del Csm e sulle nomine riguardanti Forze Armate e apparati di sicurezza.

Sul Colle intanto i verbi più coniugati sono lasciare e restare.

DONATO MARRA

DONATO MARRA

Lasceranno l’incarico, che nell’Aprile del 2013 alla scadenza del primo settennato di Giorgio Napolitano stavano già per lasciare, il Segretario Generale Donato Marra e il Consigliere Militare Ronaldo Mosca Moschini, il più longevo Generale in servizio di tutti i tempi.

ROLANDO MOSCA MOSCHINI

GENERALE ROLANDO MOSCA MOSCHINI

Per motivi diversi dovrebbero lasciare anche il Consigliere per la stampa e la comunicazione Maurizio Caprara, che rientrerà al Corriere della Sera, e la Direttrice di Rai Quirinale, Mariolina Sattanino, che sta per andare in pensione.

Composito il panorama degli altri vertici istituzionali che potrebbero avvertire l’onda lunga del  “dopo George”.

Il recente avvicendamento  al Comando Generale dell’Arma dei carabinieri, fra il neonominato Tullio Del Sette e l’uscente Generale Leonardo Gallitelli, ha lasciato inalterate le aspirazioni di  quest’ultimo  all’incarico di Consigliere per gli Affari Militari e del Consiglio Supremo di Difesa della Presidenza della Repubblica, al posto di Mosca Moschini.

GENERALE LEONARDO GALLITELLI

GENERALE LEONARDO GALLITELLI

Il mosaico degli eventuali rinnovi potrebbe riguardare i vertici del Dis, il Dipartimento che coordina l’esercizio delle funzioni e l’ unitarietà di Aise e Aisi, le agenzie per la sicurezza estera e interna.

Direttore del Dis è attualmente l’Ambasciatore Giampiero Massolo, mentre i responsabili dell’Intelligence nazionale ed internazionale sono il Generale Arturo Esposito ed il Prefetto Alberto Manenti.

Al Viminale ed al Comando Generale della Guardia di Finanza attendono di conoscere il nuovo Presidente della Repubblica il Capo della Polizia, il Prefetto Alessandro Pansa, ed il Generale Saverio Capolugo.

Ma l’onda lunga del nuovo Quirinale potrebbe lambire anche aziende pubbliche di primario rilievo editoriale e culturale, come la Rai.  Non è un mistero  che  alcune direttrici di Tg hanno ostentato benedizioni e rifugio sotto l’inconsapevole ombrello di una mai esercitata “moral suasion”.

Un bluff che a Viale Mazzini non vedono l’ora di rinfacciare alle interessate a colpi di news room e di promoveatur ut amoveatur….

RAI NOMINE

Lascia un commento

*

Privacy Policy