SOS estetica. 30% interventi servono a riparare danni “ciarlatani”

Labbra a canotto, liposuzioni che lasciano buchi, interventi al seno con protesi che si spostano fino al decolletè. Sono solo alcuni degli esempi di interventi di chirurgia estetica malriuscitì perchè effettuati da ciarlatani. Scopri come scegliere un buon chirurgo plastico

chirurgia_plastica_sbagliata

 

Occhio ai ciarlatani dell’esteticà, ovvero a coloro che si spacciano per professionisti ma in realtà non lo sono.

Labbra a canotto, sproporzionate, liposuzioni che lasciano buchi e fossette, interventi per ingrandire il seno in cui però le protesi utilizzate si spostano fino al decolletè.

Sono solo alcuni degli esempi di interventi di chirurgia estetica malriusciti poichè effettuati da mani, quanto meno, poco esperte.

Errori sempre più frequenti, tanto che ben tre interventi di chirurgia estetica su dieci sono eseguiti proprio per riparare ai danni di precedenti operazioni.

A mettere in allerta è Giulio Basoccu, chirurgo estetico e responsabile della Divisione di Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva dell’Istituto Neurotraumatologico Italiano (Ini).

Il dato emerge da uno studio eseguito su un campione di 400 persone entrate in sala operatoria per interventi di chirurgia estetica; di queste il 30% tornava sotto i ferri per un nuovo intervento che potesse riparare i danni lasciati da un’operazione precedente.

Ma quali sono gli interventi più a rischio se effettuati da chirurghi inesperti?

«Gli interventi al seno, ad esempio, sono ad alto tasso di re-intervento – spiega Basoccu – in parte ciò è dovuto a complicanze vere, perchè il medico non ha eseguito bene l’intervento, in parte ad insoddisfazione del paziente rispetto però ad un’operazione tecnicamente ben riuscita».

Per avere buoni risultati dopo una mastoplastica additiva, l’ingrandimento del seno, l’esperienza del chirurgo è fondamentale. Altrimenti, le brutte sorprese sono dietro l’angolo.Il problema delle protesi di seno che si spostano, per esempio, è uno dei più diffusi per il quale è richiesto un reintervento.

Questo perchè a monte l’operazione non è stata tecnicamente ben eseguita e la paziente – rileva Basoccu – si trova dopo una settimana ad avere la protesi fuori dalla sacca dove le era stata inserita. Arrivano anche pazienti con le protesi sotto l’ascella o in mezzo al decolletè.

La liposuzione è un altro intervento che può portare i pazienti a doversi rioperare. Una liposuzione eseguita male, infatti, lascia irregolarità sulla superficie della pelle, quindi buchi e fossette. Il medico che fa questi errori, ha sicuramente trattato poche persone. I pazienti arrivano con buchi sulle gambe e sui fianchi. Accumuli di grasso non aspirato bene e spostati in altre sedi. Bisogna intervenire nuovamente e non è facile.

Reinterventi anche per le labbra’a canotto «Si tratta di donne che cercano di liberarsi del silicone che si sono fatte infiltrare da medici che non hanno avuto in alcun modo il senso dell’armonia, creando così bocche di dimensioni innaturali. Cerchiamo quindi di eliminare il silicone, ma l’operazione – avverte – è delicata».

Insomma, la scelta del chirurgo è fondamentale.

Da qui il consiglio dell’esperto: «Informarsi prima di sottoporsi ad un intervento. Il medico deve servirsi di strutture adeguate ed essere un vero specialista iscritto alle due più note Società di specialisti medici in questo settore, SICPRE e AICPE».

Comments

  1. francois dice:

    Sono anni che cerco un bravo chirurgo per correggere un emiatrofia facciale, corretta circa 30 anni fa’ con silicone iniettato, ho contattato tantissimi chirurghi e ho fatto tantissime visite, risultato, buttato via solo soldi inutilmente e psicologicamente sempre peggio.
    Questo non è un commento al servizio, ma un appello a chi veramente è in grado di aiutarmi senza pensare solo al profitto, ho 50 anni, grazie a chi si prende a cuore il mio caso.
    FRANCOIS

Lascia un commento

*

Privacy Policy