Questo sito contribuisce alla audience di

I romani giocano d’azzardo rovinandosi la vita

I romani giocano d’azzardo!

Il gioco d'azzardo è il colpo di grazia per molte famiglie
Il gioco d’azzardo è il colpo di grazia per molte famiglie

Il gioco d’azzardo è il colpo di grazia per molte famiglie che vivono la crisi proprio perché il sistema gioco si alimenta sulla povertà, sul peggioramento delle condizioni economiche e sulla manipolazione emotiva di quanti sono già stritolati nella morsa della speculazione selvaggia e dal debito.

E’ quanto emerge da uno studio della Caritas di Roma che su questa emergenza sabato prossimo organizzerà un appuntamento formativo.

Il gioco d’azzardo è un sistema che rischia di generare una spirale sempre più drammatica perché con l’aumento dell’offerta di giochi aumentano anche i giocatori e crescono coloro che diventano patologici. Una conferma di tale tendenza arriva anche dai dati sul fenomeno pubblicati dal Centro italiano di solidarietà (Ceis), secondo cui a Roma si è passati da una spesa pro-capite per il gioco di 500 euro, nel 2004, ai 1.200 euro nel 2011.

Il gioco d'azzardo è il colpo di grazia per molte famiglie che vivono la crisi proprio perché il sistema gioco si alimenta sulla povertà, sul peggioramento delle condizioni economiche e sulla manipolazione emotiva di quanti sono già stritolati nella morsa della speculazione selvaggia e dal debito
Il gioco d’azzardo è il colpo di grazia per molte famiglie che vivono la crisi proprio perché il sistema gioco si alimenta sulla povertà, sul peggioramento delle condizioni economiche e sulla manipolazione emotiva di quanti sono già stritolati nella morsa della speculazione selvaggia e dal debito

Cifre preoccupanti per la Capitale emergono anche dalla rilevazione Open Data sugli esercizi commerciali: sono 718 le sale giochi aperte nel territorio del Comune per un totale di oltre 50mila, tra videopoker e slot machine. Quindi dal 2012 al 2013 l’espansione è stata inarrestabile e, nel giro di 12 mesi, il numero di esercizi è quasi triplicato.

«Vite in gioco ai tempi della crisi. Gioco d’azzardo, indebitamento e usura» è il titolo del convegno organizzato dalla Diocesi di Roma per sabato 23 novembre all’Università Lateranense (Aula Pio XI, ore 9.30).

 

«Il convegno – spiega una nota – verrà aperto dall’Arcivescovo Filippo Iannone, vicegerente della diocesi di Roma, e vedrà nella gli interventisociologi e studiosi del fenomeno gioco d’azzardo.

Le conclusioni dell’incontro saranno affidate al direttore della Caritas diocesana di Roma, monsignor Enrico Feroci.

Articolo scritto da Redazione