Sabina Bietolini, biologa nutrizionista: “Il decalogo di una sana e corretta alimentazione”

Sabina Bietolini, biologa nutrizionista: “Il decalogo di una sana e corretta alimentazione”

sabina-bietolini-biologa-nutrizionista

Iniziare tutti i pasti con un’insalata mista di almeno tre colori che includa una verdura amara, condita con olio e succo di limone, per favorire l’assorbimento delle vitamine e dei sali minerali e facilitare la digestione dei grassi.

Distribuire gli alimenti in maniera corretta durante la giornata, cercando di assumere con la colazione il 35% del fabbisogno energetico giornaliero.

Due semplici consigli che fanno parte di un vero e proprio decalogo, messo a punto dalla dottoressa Sabina Bietoloni, biologa nutrizionista, con dottorato di ricerca in scienze della salute, ideatrice del progetto NutrireLaSalute (www.nutrirelasalute.eu), cofondatrice del Centro Prometeo, della Società Italiana di Pediatria Funzionale (SIPEF) e coautrice di una recente iniziativa di ricerca scientifica rivolta ad investigare la relazione tra psoriasi ed alimentazione.

sabina-bietolini-biologa-nutrizionista

Dr.ssa Sabina Bietolini, biologa nutrizionista

Il lavoro di Sabina Bietolini è incentrato sull’unione dei concetti di una sana e corretta alimentazione a coscienza e conoscenza di ciò che si mangia.

Sebbene alimenti presenti nella dieta vegan siano ormai diffusi anche tra gli onnivori, è importante anche saper bilanciare e dosare i diversi alimenti. Per questo la dottoressa Bietolini ha messo a punto un decalogo basato su numerose evidenze scientifiche da cui capire il significato di “sana alimentazione”, non certo prescindendo da alcuni capisaldi incontrovertibili, fondati su ormai consolidati principi di biochimica della nutrizione.

sabina-bietolini-biologa-nutrizionista1

In generale, è una buona regola di vita organizzare la propria alimentazione ricordando che la sera carboidrati ricchi di energia (ad alto indice glicemico) come riso, patate, mais, pane e pasta bianca (non integrale), dolci, non sono una scelta salutare, neanche per chi vuole ingrassare.

Inoltre, mantenendo un corretto regime alimentare per 5-6 giorni a settimana si può avere la massima libertà per i restanti pasti.

Le eccezioni infatti sono necessarie e parte integrante dell’efficacia di una alimentazione corretta e bilanciata, perché anche “togliersi uno sfizio” ha la sua importanza psicologica.

Fare attenzione a cambiare ogni giorno le combinazioni e gli alimenti, alternare tra pranzo e cena le proteine vegetali, scegliere sempre frutta e verdura di stagione, meglio se biologica, e seguire per due giorni al mese un’alimentazione a base di minestrone e yogurt di soia sono dei passi fondamentali da seguire nell’alimentazione equilibrata della dottoressa Bietolini, che è stata registrata come marchio PreVeg: preventiva a base vegetale.

sabina-bietolini-biologa-nutrizionista

Se di sera poi si desidera un primo, si può scegliere la quinoa, da lessare come la pasta e condire con verdure miste e legumi, preferendo piatti unici, preceduti da ricche insalate colorate.

Ovviamente a una sana alimentazione è indispensabile abbinare anche un corretto stile di vita, con attività fisica moderata 3 volte a settimana, una passeggiata di almeno 30 minuti al giorno, fare le scale a piedi, bere in abbondanza, ma senza esagerare, assumere integrazioni di vitamina B12 e favorire la produzione di vitamina D con un’esposizione al sole in ore non calde, sempre con protezione solare media, almeno una quindicina di minuti al giorno.

Dr.ssa Sabina Bietolini, PhD, biologa nutrizionista

Lascia un commento

*

Privacy Policy