Questo sito contribuisce alla audience di

“Perchè perchè la domenica mi lasci sempre sola”: lezioni di calcio per donne che odiano il pallone

lezioni di calcio per donne
donne e pallone

Le donne e il pallone, un rapporto di odio e amore.

Il popolo femminile nelle curve degli stadi aumenta di domenica, in domenica. Di anno, in anno.

Esistono diverse categorie di tifose: quelle competenti, quelle simpatizzanti, quelle che vorrebbero capirci e quelle che lo odiano a priscindere però, sotto sotto, sono felici quando  la squadra del cuore, del loro compagno o del loro papà, esce vittoriosa. Almeno sanno che trascorreranno il resto della giornata serenamente.

Un esempio di questa ultima categoria è mia madre.

In 45 anni, tra matrimonio e fidanzamento, non ha mai sopportato la passione di mio padre per il pallone.

donneepallone

Perchè Perchè la domenica mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita di pallone, perchè perchè una volta non ci porti pure me?

Rita Pavone lo cantava nel 1963, sono anni che la questione è aperta. E’ giunta l’ora di risolverla.

Questa rubrica è per voi donne che non ne capite nulla e volete iniziare a capirci qualcosa.

Una volta a settimana vi terrà compagnia parlando di calcio, e di sport in generale, nella misura sufficiente per intavolare una conversazione convincente con gli interlocutori uomini.

Vi piace l’idea? Dunque procediamo.

Nel passato fine settimana si è giocata la partita n.29 del Campionato di Calcio della Serie A.

Le categorie più importanti del gioco del Calcio sono la serie A e la serie B.

Noi siamo a Roma e le due squadre che militano nella massima serie (sinonimo di serie A) sono l’Associazione Sportiva Roma e la Società Sportiva Lazio abbreviate in As Roma e SS Lazio.

Attualmente l’As Roma è seconda in classifica, dietro la Juventus, con 64 punti mentre la Lazio segue, sempre nella prima parte della Classifica, a 42.

La Roma ha giocato sabato sera contro il Chievo Verona a Verona vincendo 0 – 2 ( il primo numero corrisponde ai gol realizzati dalla squadra che gioca in Casain questo esempio il Chievo Verona, mentre il 2 si riferisce ai gol realizzati dalla squadra in trasferta nello specifico la Roma).

La SSLazio domenica sera ha pareggiato con il Milan 1-1 (il Milan è una delle due squadre di Milano insieme all’Inter).

Giocare in casa e in trasferta non è la stessa cosa ma a questo e  soprattutto al fuorigioco ci arriveremo con calma. Il nostro obiettivo sarà capire il fuorigioco.

Per concludere riporto di seguito i risultati dell’ultima giornata di Campionato giocata:

Torino – Livorno 3-1

Chievo Verona – Roma 0-2

Parma – Genoa 1-1

Bologna – Cagliari 1-0

Inter – Atalanta 1-2

Sampdoria – Hellas Verona 5-0

Udinese – Sassuolo 1-0

Napoli – Fiorentina 0-1

Catania – Juventus 0-1

Lazio – Milan 1-1

Spero che la vostra squadra del cuore abbia vinto e quindi che abbia ottenuto 3 punti. Nel caso di pareggio 1 solo punto e nel caso di sconfitta 0 punti.

Un tempo le cose erano diverse e anche le partite si disputavano sempre negli stessi giorni e alla stessa ora, questo non accade più!

Quindi se avete un cuore giallorosso sappiate che martedì 25 Marzo sarà l’anticipo della 30ma giornata di Campionato che sarà un turno detto infrasettimanale, ossia in mezzo alla settimana per motivi di solito legati alla Nazionale di Calcio (anche di questo ne parleremo più in là quest’anno ci saranno i Mondiali!) e vedrà protagonista l’As Roma contro il Torino alle 20.45.

La Lazio, come la maggior parte delle altre squadre di serie A, giocherà domani e andrà in trasferta a Genova contro il Genoa.

Il posticipo sarà giovedì 27 marzo e sarà InterUdinese a Milano.

Per oggi fermiamoci qui ma non prima di dirvi la frase che fa colpo di questa settimana:

“Certo che se la Juventus continua così il Campionato finirà presto. Beh, fortuna che quest’anno vedremo i Mondiali in Brasile, sei felice che Prandelli (nota: l’allenatore della Nazionale Italiana) ha rinnovato il suo contratto?”

E’ davvero tutto, vi aspetto la prossima settimana per dare un altro calcio al pallone

Chiara Maria Gargioli

Articolo scritto da Chiara Gargioli