Questo sito contribuisce alla audience di

Seduzione: Linguaggio del corpo, silenzioso, ma efficace

Il linguaggio del corpo crea un tipo di comunicazione molto potente ed è curioso pensare che il linguaggio più potente è proprio quello di cui siamo, per la maggior parte, “analfabeti”

 

 

linguaggio_del_corpo_pinkroma

 

 

 

Il nostro corpo, i movimenti e la postura che abbiamo, inviano segnali agli altri anche se non ce ne accorgiamo. Senza saperlo, quindi, noi continuamente diciamo chi siamo.
Più della metà della comunicazione (precisamente il 55%) è di tipo non verbale.
Ciò vuol dire che inviamo e riceviamo messaggi che non vengono veicolati dalle parole.
Gran parte della comunicazione non verbale avviene senza che noi ce ne accorgiamo ed è curioso pensare che il linguaggio più potente è proprio quello di cui siamo, per la maggior parte,“analfabeti”.
Il modo in cui ci muoviamo, camminiamo, gesticoliamo dice di noi.

La nostra postura e tutti i nostri movimenti raccontano, in qualche modo, la nostra storia lasciando trapelare aspetti dichiusura, di apertura, di insicurezza o di fiducia.
Sarebbe interessante, e anche utile, soffermarsi sul modo in cui utilizziamo il nostro corpo nelle relazioni con gli altri.

Questo ci permetterebbe di imparare da noi stessi diventandosempre più consapevoli dei messaggi che, senza volerlo, trasmettiamo.
La consapevolezza, infatti, ci permette di comprendere aspetti di noi e di capire, per esempio, come abbiamo potuto contribuire a generare nelle persone delle reazioni verso di noi che ci hanno fatto soffrire.

Allo stesso tempo, possiamo capire il senso dei gesti del nostro interlocutore sviluppando, così, capacità relazionali molto utili.

Certamente, osservare noi stessi e i nostri atteggiamenti non è cosa semplice; dovremmo andare in giro con uno specchio.

Quello che possiamo tentare, però è “guardarci dal di dentro”.
Possiamo imparare a stare in ascolto del nostro corpo, sentire dove si accumula la tensione e scoprire quali sono i nostri punti di maggiore rigidità.

Potremmo sorprenderci, ad esempio, scoprire che quando ci stringiamo nelle spalle è perché ci sentiamo imbarazzati o qualcuno ci sta facendo sentire a disagio.
Se riusciamo a dare questo tipo di attenzione anche agli altri, potremmo meravigliarci del fatto che un atteggiamento che ci infastidisce nelle persone, potrebbe nascondere in realtà una debolezza.
In ogni caso, è importante iniziare a credere che da noi stessi e dagli possiamo sempre imparare.

Antonella D’Oriano

 

Articolo scritto da Redazione