Gli uomini non ascoltano le donne: la scienza spiega il perché

Gli uomini non ascoltano le donne: la scienza spiega il perché

Gli uomini non ascoltano le donne: la scienza spiega il perché

Potrebbe quasi sembrare una storia inventata, ma dalla ricerca ci arrivano dati scientifici.
Ebbene, pare che sia confermato il fatto che gli uomini non ascoltino le donne, ma non per pigrizia o per disinteresse.

Si tratta piuttosto di motivazioni biologiche per cui diventerebbe impossibile per l’uomo e per il suo apparato uditivo decodificare i suoni con una determinata frequenza tipica della voce della donna.
A dirlo è il prof. Michael Hunter dell’Università di Sheffield (UK), che ha effettuato una ricerca in grado di spiegare l’esistenza di cause biologiche che porterebbero l’uomo a perdere l’attenzione quando una donna gli parla.

Gli uomini non ascoltano le donne: la scienza spiega il perché

Gli uomini non ascoltano le donne: la scienza spiega il perché

Accadrebbe, infatti, che nonostante l’impegno, il cervello maschile per natura non riesca a concentrarsi sul suono della voce femminile proprio a causa dei toni vocali della donna che rischiano di danneggiare in parte l’area uditiva dell’uomo.

Dallo studio, condotto con tecniche di risonanza magnetica nucleare, si evidenzierebbe come le donne, a differenza degli uomini, emettano suoni con frequenze diverse e più complesse.

Ciò dipende dalle dimensioni e dalla forma delle corde vocali e della laringe delle donne.
Secondo il Prof. Hunter, quindi, non solo esistono aeree diverse del cervello che si attivano per la voce maschile e per quella femminile, ma la voce femminile possiede dei toni più complessi rispetto a quella maschile. Ciò significa che i suoni femminili sollecitano tutta l’area uditiva del cervello, mentre la voce maschile ne sollecita solo una piccola area.
L’effetto sarebbe, quindi, che la voce femminile provocherebbe stanchezza nel cervello dell’uomo.
Alla luce di questi risultati, speriamo solo che le donne non perdano veramente la speranza di essere ascoltate…

Dott.ssa Antonella D’Oriano
Psicologa, psicoterapeuta

Lascia un commento

*

Privacy Policy