Resistere a oltranza oggi per reinventarsi il domani by Tiziana Rocca

0
52
COMBATTERE LA CRISI ECONOMICA
COMBATTERE LA CRISI ECONOMICA

Al giorno d’oggi lo strumento del pensiero per sopportare le grandi difficoltà economico-sociali con cui ci confrontiamo nel quotidiano, può essere solo uno: resistere a oltranza.

Nonostante mi possa ritenere una privilegiata per la professione che svolgo, vivo del mio lavoro e ogni giorno ho a che fare con le professionalità dell’indotto che gira intorno al mondo degli eventi e della comunicazione e mi rendo conto di quanto disagio abbia creato questo prolungato periodo di crisi.

Da imprenditrice, anche io mi trovo di fronte ai problemi del ritardo dei pagamenti, dell’insopportabilità del sistema fiscale o da alcuni soggetti che non vogliono pagare il lavoro svolto, per non parlare poi dell’inaffidabilità di improvvisati personaggi che sfruttano la situazione millantando credito e cercando di dare fregature al prossimo.

crisi economica 2

Da osservatrice della realtà, mi rendo anche conto, che l’esercito delle partite iva, i liberi professionisti, per intenderci, hanno ancora meno strumenti di tutela di fronte a queste problematiche perché oltre ai ritardi, le somme corrisposte sono sempre al ribasso e diventa difficile gestire un imprevisto di qualsiasi tipo e non andare a fondo.

Tutto ciò può diventare drammatico dal punto di vista psicologico e sociale, anzi, lo è già per molte persone.

Ma ho l’ambizione di cercare di dare un segnale di positività e trasformare le situazioni critiche in opportunità.

Per prima cosa, bisogna resistere.

Questo è il mantra da ripetere con estrema convinzione e a cui dare la priorità.

Ma bisogna essere consapevoli della necessità di un salto mentale, di un sussulto di ambizione per evolversi e cercare di reinventarsi nel mondo del lavoro.

TIZIANA ROCCA Pubbliche-Relazioni-2-0-di-Tiziana-Rocca 1

Un segnale in questa direzione, per una volta, viene lanciato dalle istituzioni.  

Mi riferisco all’iniziativa presentata questi giorni “Un patrimonio di idee”, progetto del Comune di Roma per valorizzare e recuperare gli immobili inutilizzati e da ristrutturare, per concederne l’uso ai giovani artisti, alle associazioni culturali o nuovi a artigiani per utilizzarli in coworking, come showroom o  come laboratori di impresa o di artigianato.

Sì, perché bisogna anche capire e far passare il messaggio che ci deve essere a monte una reale rivalutazione delle professioni tecniche e dei lavori manuali.

A partire dagli stessi istituti tecnici, che le giovani generazioni devono rivalutare e considerare nelle loro scelte, perché fucina di potenziali talenti di professionalità che tutto il mondo ci invidia.

Il mondo è cambiato, tutti noi dobbiamo evolverci con spirito di sacrificio e umiltà verso nuove mentalità perché non ci saranno mani dal cielo che aiuteranno i nostri figli per costruire il loro futuro e quindi, soprattutto per il loro bene, diventa fondamentale resistere, ora più che mai.

by  Tiziana Rocca

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here