Frida Kahlo: la grande mostra-evento alle Scuderie del Quirinale di Roma

0
304
Frida Kahlo a Roma, Scuderie del Quirinale
Frida Kahlo a Roma, Scuderie del Quirinale
Frida Kahlo a Roma, Scuderie del Quirinale

La Primavera romana 2014 si colora delle pennellate di grandi personaggi dell’ arte internazionale. Un altro appuntamento da non perdere in questo periodo è quello alle Scuderie del Quirinale, con la mostra sulla pittrice messicana Frida Kahlo.

Frida amava le acconciature con coroncine, nastri e fiori
Frida amava le acconciature con coroncine, nastri e fiori

Sopracciglia folte, sguardo fiero: Frida amava acconciarsi la lunga chioma corvina con nastri e fiori, vestire con abiti coloratissimi tradizionali del folklore indigeno, grazie alla sua personalità e alla sua fantasia, rielaborò i codici identitari della cultura messicana, l’arte precolombiana, i simboli atzechi, creando uno stile del tutto originale e personale non soltanto nel suo look, ma nella sua arte.

La pintora ocultadora y pasionaria, una figura femminile di rilievo nell’arte e nella storia del Novecento: una donna di una sensibilità superiore, indipendente, rivoluzionaria e ribelle (non a caso divenne poi un’icona del movimento femminista). Frida è stata un’artista visionaria, impegnata politicamente, vicina alle vicende del suo paese il Messico e, al tempo stesso, aperta al mondo ed alle avanguardie internazionali.

Frida Kahlo all'opera
Frida Kahlo all’opera

La vita di Frida è stata segnata dal dolore fisico e dalle forti passioni.  Magdalena Carmen Frieda, nacque il 6 luglio 1907 a Coyoacán, Messico. Era studentessa di medicina, quando a 18 anni il destino le cambiò completamente la vita, infatti, a seguito di un grave incidente mentre stava viaggiando in autobus rimase trafitta da una sbarra metallica e riportò fratture multiple. A lei, già nata con la spina bifida, questo pesò notevolmente sulla gracile condizione del suo fisico, impedendole anche la possibilità di portare avanti le gravidanze.  Non tutto il male viene per nuocere, così Frida costretta a letto per un lungo periodo cominciò a dipingere scoprendo il suo talento naturale da autodidatta e la sua capacità di introspezione attraverso la pittura. La famiglia le regalò un letto a baldacchino con un grande specchio, così che lei potesse guardarsi. Ciò la portò ad analizzarsi e a  dipingere molto se stessa. L’autoritratto è infatti ricorrente nelle sue opere.

Oltre ai problemi di salute che l’accompagnarono tutta l’esistenza, un altro fattore influente e presente nei suoi dipinti fu la sua vita amorosa travagliata, in particolare l’amore per il marito, pittore di murales, Diego Rivera, che sposò ben due volte. Il rapporto con  il marito sarà indagato nella seconda tappa di questo viaggio di Frida in Italia: a Genova con  la mostra Frida e Diego, a settembre.

La personale di Roma invece indaga la relazione tra la pittrice ed i movimenti artistico-culturali del suo tempo, tra i quali il Modernismo messicano, il Futurismo, il Surrealismo internazionale. La forte ricerca della sua identità la salvò dall’essere inglobata totalmente in una corrente specifica, la sua pittura è realistica e simbolica contemporaneamente.

La mostra su Frida Kahlo alle Scuderie del Quirinale è un progetto di Roma Capitale a cura di Helga Pringnitz Poda. Iniziata il 20 marzo, terminerà il 31 agosto 2014. Raccoglie centotrenta opere tra ritratti ed autoritratti, oltre quaranta dipinti alcuni inediti in Italia, come il celebre “Autoritratto con collana di spine e colibrì” del 1940. Ecco qui l’elenco delle opere che si possono ammirare. Inoltre sono previsti incontri di approfondimento con illustri studiosi ed una rassegna cinematografica al femminile. Dettagli ed info sul sito delle Scuderie del Quirinale.

   

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here