Roma, il Sindaco Marino incontra Capitano Ultimo per sostegno sua onlus

0
76
ROMA: MARINO INCONTRA CAPITANO ULTIMO, SOSTEGNO A SUA ONLUS
ROMA: MARINO INCONTRA CAPITANO ULTIMO, SOSTEGNO A SUA ONLUS
ROMA: MARINO INCONTRA CAPITANO ULTIMO, SOSTEGNO A SUA ONLUS

Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha partecipato questa mattina alla terza delle quattro «Domeniche di San Francesco», una iniziativa benefica che si è svolta nella sede della Onlus Volontari Capitano Ultimo, sulla via Prenestina.

L’associazione, voluta dall’ufficiale dei Carabinieri che catturò il boss mafioso Toto Riina, ruota attorno a una casa famiglia dove ragazzi abbandonati o fragili vengono educati alla cultura della legalità, e si dedicano alla panetteria o ai lavori di artigianato.

A organizzare le Domeniche anche la Nazionale Cantanti e l’attore Raoul Bova, che ha interpretato sullo schermo il militare in una serie di fortunate fiction tv.

E oggi con il sindaco c’erano sia l’Ultimo del piccolo schermo che quello vero, il colonnello Sergio De Caprio, che ha avuto con Marino un colloquio riservato:

il colonnello Sergio De Caprio
il colonnello Sergio De Caprio, Capitano Ultimo 

«È una persona davvero di grande carisma – ha raccontato il sindaco alla fine – e che in ogni sua azione dimostra uno straordinario senso civico che è di esempio per tutti coloro che sono qua e penso debba esserlo per tutti coloro che sono al di fuori di questo luogo straordinario. Abbiamo anche parlato – ha spiegato Marino – della possibilità di utilizzare alcuni fondi del Comune per creare in questo luogo, dove già ci sono strutture ed è possibile lavorare e produrre attraverso l’agricoltura, anche alloggi per le persone senza casa che vogliono partecipare a questo progetto. Credo che nelle prossime settimane cercheremo sperimentalmente di avviare un progetto che possa coinvolgere un nucleo iniziale di cinque o sei famiglie in modo da rendere sempre più viva e sempre più comunità la nostra città. Questo è molto importante – ha concluso Marino – perchè Roma deve riconquistare quella sua valenza internazionale di città della pace e della solidarietà»

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here